16 luglio 2018

Segnalazione "Cenere sulla Brughiera" di Francesca De Angelis.


SINOSSI

Catherine Barret nacque in una piccola cittadina dello Yorkshire, crescendo felice fra le brughiere che caratterizzano quei luoghi. Un infanzia ridente che sembrava poter durare in eterno viene spezzata dalla morte dei suoi genitori Elizabeth e Robert Barret. Cathy assieme alla nonna Mary e alla sua infantile zia Clarisse viene è costretta ad immigrare negli Usa. Dopo la morte della nonna, seguita successivamente da quella della zia, Catherine viene affidata ai Finch una coppia snob e sgarbata che la maltratta in continuazione. La ragazza troverà un po' di sollievo con l'amicizia e successivamente storia d'amore con il tormentato Logan suo compagno di classe, ragazzo fragile che cela la sua infelicità con un facciata allegra e solare. Dopo giorni di idillio, Logan scompare. Catherine dovrà così fronteggiare da sola il bullismo dei suoi compagni di classe. Fra mille peripezie dopo essere scampata ad una violenza di gruppo da parte dei suoi compagni, si ritroverà a fuggire per la campagna, braccata dalla polizia che la considera responsabile della morte dei suoi amici e dei suoi genitori adottivi. Cathy da innocente verrà condannata alla pena capitale dopo essersi ricongiunta con Logan ed aver appreso di essere stata usata da John Cabol un perfido avvocato amico dei Finch, assassino degli stessi che ha visto in lei lo strumento ideale per realizzare i suoi loschi piani. Il lieto fine arriverà solo con la pace eterna, poiché nelle mie storie spesso è solo l'aldilà il luogo di pace. Nei miei racconti i protagonisti sono quasi sempre ragazzi soli e gli adulti che dovrebbero proteggerli diventano spietati carnefici senz'anima. Solo gli adulti deboli, in questo caso rappresentati dall'infantile ed un po' pazza zia Clarisse e gli anziani nonni di Logan rappresentano il bene che però è sempre destinato a soccombere. In questo romanzo ispirato a “Cime Tempestose” spesso citato nel libro come romanzo preferito dalla protagonista ho voluto rappresentare il lato oscuro nel mondo dove la vita, la felicità e l'amore vengono abbattuti dal denaro e dalla sete di potere qui rappresentati dal malvagio avvocato Cabol.  

Francesca si presenta così...

Francesca De Angelis nacque a Roma il 10-04-1991 in una gelida giornata di primavera, l'unica sopravvissuta ad potenziale parto plurigemellare. Per avere un quadro di quella che fu la sua infanzia, basta guardare uno di quei film anni 30 con protagonista Shirley Temple dove il lieto fine è presto detto. Le sua giornate erano scandite dalla scuola e dai giochi con gli amici sotto l'occhio vigile della nonna, una signora energica e un po' mascolina che le raccontava spesso le storie e le leggende che aveva appreso dal paesino di montagna dov'era cresciuta. Così nutrita da storie su fate, folletti e principesse l'immaginazione della piccola Francesca iniziò ad essere fertile. Un contributo venne anche dalla florida e grassottella zia materna che ogni pomeriggio, aiutata dalla collana dei libri “I Quindici” rendeva ancora più forte il suo desiderio di lettura. C'era un periodo della sera, che Francesca trovava magnifico in cui il buio cadeva sulla casa della nonna, dove ogni angolo poteva celare un mistero od un bizzarro animale. Essa appariva agli occhi della bimba come un castello incantato. Qualche anno dopo il castello incantato arrivò davvero. A nove anni, dopo la morte della nonna, seguita a breve da quella della zia, la depressione iniziò a divagare nel suo corpicino spingendolo a vedere il lato più orribile del mondo. Qualcuno però non voleva vederla soffrire. Il giorno del suo decimo compleanno qualcuno le recapitò un regalo molto speciale che cambiò per sempre la sua vita. Il regalo era il terzo volume della saga di Harry Potter, della scrittrice britannica J.K. Rowling che divenne da allora la sua Fata Madrina cosmica. Quel romanzo le fece capire come la scrittura, il semplice poggiare una penna su un figlio potesse rinvigorire il suo animo in maniera ancora maggiore di quanto potesse fare qualunque medicina. Da ragazzina Francesca prese ad amare la scrittura e usando delle vecchie bambole prese a dar vita ai suoi personaggi. Oggi, che la sua vita è passata per un quarto ha da poco pubblicato il suo primo romanzo “Cenere sulla Brughiera” per la casa editrice Arduino Sacco. E, sebbene il cammino verso la felicità sia ancora lungo e tortuoso, la ragazza continua a scrivere non volendo mai abbandonare l'attività che ama di più e che la salva ogni giorno dal finire nel baratro.

Titolo: Cenere sulla Brughiera”
Editore: Arduino Sacco Editore
Autore: Francesca De Angelis
ISBN: 978-88-6951-219-3
Numero pagine: 228
Data di pubblicazione: settembre 2016
Sito editore :www.arduinosaccoeditore.eu (il libro si acquista tramite il sito ma lo si può comprare anche in libreria se lo si ordina XD)






Recensione "io e l'@ltra me" di Francesca Rossini.



TRAMA

Daniela è una ragazza semplice, chiusa nelle sue paure, goffa e timida. Sempre alla ricerca del principe azzurro, perennemente a dieta. Decide di creare un profilo social per conoscere qualcuno, nasce Gret@. Ha inizio la lotta tra due parti opposte di una personalità che si contendono lo stesso uomo. Chi ne uscirà vincitrice?

Recensione


Il nuovo romanzo di Francesca Rossini, Triskell edizioni, è un romanzo, fresco, moderno. Lo è già dalla grafica del titolo in cui la lettera “a” viene sostituita dalla moderna”@”.

Daniela Boretti, per gli amici più semplicemente Dadi, vive una vita semplice e piuttosto piatta e monotona. Orfana di madre, senza aver mai conosciuto chi fosse suo padre, vive con la dolcissima nonna Bruna, che la coccola e tenta di proteggerla come se fosse ancora una bambina. Dadi divide la sua vita tra casa e lavoro, un ufficio il cui titolare è un tale Nitti, un personaggio in parte scontroso, in parte arrogante, tutt’altro che simpatico. Dadi in ufficio ha come collega la carissima amica Monica, l’antipatica e seducente Patri e il bellissimo e ambito Giorgio che sembra però non nutrire verso di lei alcuna attenzione.  Dadi trascorre in ufficio gran parte del suo tempo alle prese con pratiche e scartoffie, guardando di sottecchi Giorgio, confidandosi con Monica, madre e moglie, ed evitando il Nitti e la Patri.

Monica, Claudia e Fede sono le più care amiche di Dadi, quelle che raccolgono le sue ansie e le sue insicurezze. Dadi infatti si ritiene impacciata, goffa e sfigata in amore. Ritiene anche di essere grassa, non particolarmente bella e con due grossi problemi che non fanno che aumentare la sua timidezza: arrossisce facilmente e suda tremendamente quando è nervosa.

Vorrebbe essere come la Fede, spavalda e sicura di sé, vorrebbe piacere come la Patri, avere una famiglia come Monica e un fidanzato innamorato come Claudia.

Dadi invece vive con la nonna che ama e non è soddisfatta della sua vita. Così un giorno per gioco decide di creare un finto profilo su FB, si finge Gret@ e utilizza l’immagine di Fede.

Inizia così la sua doppia vita. In ufficio e con gli amici è Dadi la pasticciona, su FB è l’affascinante Gret@, fredda, sexy e disinvolta che parla in chat con estranei e non ha paura di nulla.

Ben presto Gret@ incontra in chat Andy e tra loro giorno dopo giorno si instaura un vero feeling virtuale.

La vita intreccia le fila e anche nella realtà Dadi incontra Dario.

A quel punto la narrazione racconta due storie: quella reale di Dadi e di Dario e quella virtuale di Gret@ e di Andy.

E a quel punto il romanzo entra nel vivo della narrazione.

Specchio reale dei nostri giorni, Francesca Rossini ci dimostra con il suo libro come la vita reale e la vita virtuale possono correre parallele e qualche volta addirittura intrecciarsi, sovrapporsi fino a confondersi.

E’ quello che accadrà a Dadi che si lascerà prendere le mani dalla storia virtuale per poi accorgersi che dietro uno schermo, come anche nella realtà, ci può essere molta finzione.

Il tutto è narrato con estrema semplicità, attraverso la ricostruzione di ambientazioni semplici, alcune molto belle, come il Natale in famiglia, riuniti attorno ad un tavolo, nonni, cugini, zii e nipoti.

Altre volte è la scia dei ricordi a prendere il sopravvento, come quella che porterà Dadi a cercare in un vecchio baule immagini sbiadite della sua mamma, morta quando lei era piccola,e di un padre che non ha mai conosciuto.

Dadi troverà in fondo a quel baule vecchi diari scritti dalla madre dove cercherà le risposte alle molte domande che si è sempre posta sui suoi genitori e tra quelle pagine ingiallite riuscirà a trovare degli indizi che le daranno la possibilità di capire.

Quando Dadi riuscirà a colmare i vuoti che da sempre si è portata dentro, comprenderà il motivo della sua insicurezza e delle sue paure. Solo allora non avrà più bisogno di Gret@ né di desiderare di essere diversa da se stessa.
Complimenti all'autrice che ha saputo scrivere una storia adatta anche ad un pubblico più giovane.

Silvia M.


02 luglio 2018

Segnalazione nuova uscita: "La memoria del futuro" di Silvia Azzaroli e Simona Ingrassia.


Sinossi 

 "La profezia di un'antica civiltà sudamericana sta per sconvolgere l'esistenza di tre persone della Londra del 2707: Curtis Chapman, geniale inventore, figlio del creatore di una grande multinazionale, il cui padre ha sempre tentato di plasmarlo a sua immagine e somiglianza, senza riuscirci. Il suo carattere indipendente e brillante lo porteranno a comprendere per primo il pericolo che l'umanità sta correndo, cercando di porvi rimedio; Jason Mitchell, il migliore amico di Curtis e in apparenza un tipo losco, si legherà in maniera indissolubile al giovane Chapman condividendone le battaglie e gli ideali, scoprendo un nuovo modo di vedere le cose grazie a lui e alla sua mente molto aperta e Dalia Robbins, giovane e ambiziosa ricercatrice biomedica dallo spirito indomito e la totale fiducia di poter plasmare il proprio destino.  La ricerca di equilibrio tra la nuova tecnologia e la sapienza tramandata dal passato porterà ad una nuova tappa dell'evoluzione umana. Tutto questo grazie al coraggioso viaggio di una donna verso la riscoperta di se stessa e delle proprie origini"

Estratto


La donna fissava negli occhi la giovane cercando di intimorirla, ma sembrava un osso duro. «D'accordo, siamo persone adulte, e non vedo perché non possiamo andare direttamente al sodo. Ho avuto modo di esaminare il suo file e quello che ho letto mi ha fatto capire che è la candidata perfetta per quest’incarico. Adrian Chapman è un uomo senza scrupoli, che ama circondarsi di gente desiderosa di fare carriera. Devo però avvisarla: girano voci inquietanti sul suo conto e sul conto della Chapman Pharmaceutics e abbiamo bisogno di conferme. Capisce bene che non possiamo rischiare una sommossa popolare, se queste voci arrivassero alle orecchie sbagliate...» Dalia sorrise con la sua solita calma, fissandola a sua volta, «Non si preoccupi, Ministro Bailey», disse, «sarò muta come un pesce e farò in modo di avere prove concrete. Non m’intimoriscono gli squali, è una vita che sono circondata da gente del genere.»




20 giugno 2018

Noi che d'estate...



Noi che d'estate...

Giocavamo a nascondino fino a notte fonda! (Alessio Del Debbio)



Partivamo per la spiaggia sempre con la palla per giocare a pallavolo in acqua (Daniela Tresconi)



Giocavamo a gavettoni a arrostivamo pannocchie (Daniela Ruggero)

Andavo a fare la salsa in campagna con la mia famiglia. Tradizione durata anni, anche se ormai è qualche anno che non andiamo più (Olimpia Petruzzella)

Giocavamo alle favole "al fontanile" sotto i noccioli in fondo a una stradina di un paesello immerso nei Nebrodi e io facevo sempre la parte della strega. (Elena Galati Giordano)


Andavamo a caccia di lucciole per avere un soldino.(Lorenza Bartolini)


Giugno e luglio andavamo in piscina con gli amici e la musica la sentivi al Jukebox o con la radiolina o il Walkman e la playlist la facevi su una cassetta che, se si impigliava, riavvolgevi con la penna. Ad agosto si andava al mare ed era un tripudio di "cocco bello", "pizza calda", "bomboloni", "wù cumprà?" e con le conchiglie si facevano le collanine per portarsi un po' d'estate al collo anche quando tornavi a casa...(Melissa Francesca D'Agostino)

Roba bella, giocare a nascondino di notte e perdersi tra il sorgo.
Roba brutta, essere costretti a fare la passata di pomodoro. Le mani puzzavano per giorni interi! (Michele Sbriscia)

Sono i ricordi dei tempi passati quelli che ci tengono compagnia, immagini sbiadite, scatti nella memoria che tuttavia non si dimenticano mai.
Sono sensazioni, sapori, colori, affetti. Sono momenti spensierati di estati che non torneranno più, di periodi più semplici e meno digitalizzati, di amici veri e non solo virtuali e di giochi come momenti di aggregazione, quando il tormentone estivo  riuniva attorno ad un Jukebox e poi lo si ascoltava con una cassetta nel walkman.
Sono ricordi di famiglie riunite per preparare le conserve in casa  per l'inverno e di amici che giocavano a nascondino o che si sfidavano in spiaggia a pallavolo.
Non c'era il Web né FB e se qualcuno tra i più giovani potrebbe commentare con che tristezza, noi che  siamo vicini agli anta o che li abbiamo già passati possiamo dirvi che erano delle bellissime vacanze estive.

Silvia M.







Nuove uscite Les Flaneurs


Sinossi

Tra romantici salti nel passato e bruschi ritorni al presente, Parigi è di volta in volta un desiderio, un approdo, un sogno, una realtà, un ricordo. Trasfigurata dagli occhi dei protagonisti di questi undici racconti, la città dell’amore per eccellenza, è ora dama silenziosa e affascinante, ora consigliera loquace e saggia. Il lettore passeggerà incantato per le strade parigine, ammaliato dai suoi monumenti, dall’eterno fluire della Senna; entrerà nel Louvre e nel Museo D’Orsay, sarà rapito dal fascino gotico di Nôtre-Dame e dai colori dei vicoli di Montmartre. Si siederà a meditare ai tavolini dei café o dei bistrot e non mancherà di ammirare la città dalla Torre Eiffel… Un magico viaggio a occhi aperti è servito!
Biografia: Federica Loreti, Giovanna Ferrara, Flavio Andriani, Orietta Degiorgi, Manna Parsi, Davide Bottiglieri, Tinta, Mariachiara Moscoloni, Paola Potenza, Serena Plutino, Milica Marinković.

Autore: AA.VV.
Titolo: Paris, toujours Paris
Uscita: 7 luglio 2018
Prezzo: € 13





Autore: Vincenzo De Marco
Titolo: Rivolto a Sud. Pensieri e poesie
Data di pubblicazione: 6 giugno 2018
Prezzo: € 11

Sinossi: In Rivolto a Sud, l’operaio, l’uomo e lo scrittore si fondono in una sola persona che si affaccia sul mondo, allungando il suo sguardo anche oltre i confini della fabbrica e del suo territorio. Questo libro, frutto del mix maleodorante e profumato del nostro presente, è un pugno allo stomaco ma allo stesso tempo una carezza sul viso. Uno sguardo, spesso critico, sulle brutture del mondo ma anche sulle sue innumerevoli bellezze, sull’attualità e sul prossimo futuro, denso di incognite e speranze. Perché, attraverso i sogni, il cambiamento è ancora possibile.

Biografia: Vincenzo De Marco (Grottaglie, 1976). Operaio e poeta. Con Les Flâneurs Edizioni ha pubblicato “Il Mostro. Versi di rabbia e d’amore” (2017) e ha partecipato all’antologia di racconti “Macerie” (2017).





Segnalazione nuove uscite: "Travolti dall'amore" di Susy Tommasiello e "Illusione d'amore" di Giordana Schiattarella.


Titolo: Travolti dall'amore
Autore: Susy Tomasiello
Editore: Collana Un cuore per capello
Genere: Romance contemporaneo
Prezzo ebook € 1,49
Prezzo cartaceo 14.00

TRAMA

Emma ha due convinzioni nella vita: sua nonna e la fotografia.
Quando però viene licenziata, capisce che deve rivoluzionare la sua vita se non vuole andare a lavorare dai suoi genitori che sono dentisti. Per un po’ decide di rifugiarsi a casa di sua nonna, ed è proprio lì che scopre per caso delle lettere tra Lorenzo e Giulia.
La loro storia è stata interrotta sul più bello senza un motivo e quando sua nonna le racconta che Giulia è stata una sua grande amica, decide di rintracciarla. Grazie a internet non è difficile e senza pensarci due volte parte con nonna Chiara per Napoli. Non si è mai allontanata così tanto da Firenze e l'impatto è forte, soprattutto quando scopre che Giulia ha un nipote davvero insopportabile: Alessandro.
Alessandro non approva l'idea di rintracciare Lorenzo, un uomo di cui non conosceva nemmeno l'esistenza e in più non sopporta Emma e la sua invadenza.
Tra equivoci, scontri verbali e baci infuocati, Alessandro ed Emma scopriranno che l'antipatia reciproca forse può essere superata.
Tra amori vecchi e nuovi, tutti saranno travolti dall'amore. 



-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



TRAMA
L'amore è un sentimento che va controvento, stravolge la tua vita, i tuoi piani, dapprima lentamente, poi con più forza, fino a scatenare un uragano di emozioni che non sei più in grado di gestire. Cominci ad amare i pregi, ma soprattutto i difetti della persona che è al tuo fianco, ed è in quel momento che capisci di essere persa. Innamorata. Cotta. E non c'è una via d'uscita. È questo quello che accade a Jocelyn nel momento in cui ritrova Greg, quel ragazzo sfuggente che ha conosciuto l'estate precedente. Ma ci sono troppe cose in ballo per essere felice. Jo si ritrova coinvolta in qualcosa che è più grande di lei, qualcosa che non può gestire e che la porterà ad assaporare l'amore con le spalle al muro, senza poterlo evitare, per poi finire da sola. Abbandonata dall'unico uomo che lei abbia mai amato. Ma l'amore è più forte di ogni cosa, o almeno così dicono. Riuscirà anche questa volta a trionfare?

Titolo: Illusione d'amore


Autore: Giordana Schiattarella


Genere: Romanzo rosa.


Editore: Un cuore per capello


Prezzo Kindle € 0,99




Estratto

Perché la vita è fatta di illusioni, di momenti in cui credi che tutto stia andando per il meglio, ma ancora non hai visto la parte peggiore.
L'illusione è la peggiore arma dell'uomo. Illuderti per poi strapparti il cuore a pezzi, senza possibilità di rimetterli insieme. E tu li vedi,  i tuoi cocci, lì, che giacciono ai tuoi piedi.
Persino lui li vede, quei cocci, ma li lascia dove sono, ti volta le spalle e continua il cammino.